martedì 17 aprile 2012

C'era una volta un pianeta che si trovava in una dimensione parallela...




















Vi racconto una Fiaba.
C'era una Volta un Pianeta che si trovava in una "dimensione parallela".
In quel Mondo Lontano esistevano due Fazioni.
Una che aveva il Potere e la Conoscenza per dominarlo ma non il numero necessario di persone per farlo funzionare.
E l'altra che pur avendo il numero di individui sufficienti a farlo correttamente "girare", non possedeva invece la Conoscenza e il Potere per controllarlo
Nel corso degli ultimi secoli, gruppi estremisti e intolleranti di entrambe le fazioni, mossi da avidità, stoltezza ed egoismo, si misero d'accordo fra loro e presero, con l'inganno e la violenza, le redini delle rispettive popolazioni.
Quindi provocarono un graduale collasso sistemico globale, avendo cura al contempo di mantenere le proprie popolazioni in uno stato di ignoranza e pregiudizio, l'una verso le altre.

Arrivarono al punto di  provocare volontariamente frustrazioni sociali di tale gravità da scatenare scontri anche fra membri appartenenti alla stessa "famiglia".

Ma quando si giunse al caos globale, le cose non andarono come i gruppi di potere avevano previsto.

Il conflitto fratricida andò ben oltre quanto ogni "leader" aveva programmato nella sua "agenda", determinando l'autodistruzione del pianeta.

Questo accadde perché i folli alla guida di quelle due fazioni, avevano dimenticato l'insegnamento dei "creatori" ovvero che per quante fazioni si creassero su un pianeta dove l'esperienza esistenziale si basa sul "discernimento", una fazione non può esistere senza l'altra. Dimenticarono che ogni forma di vita per quanto diversa e con diverso ruolo, aveva diritto ad una vita serena e dignitosa, e che non esisteva una razza migliore e una peggiore.

Né su quel pianeta, né fra pianeti, né fra popolazioni di differenti galassie. Ogni fazione poteva esistere solo in funzione dell'altra. Il prevalere dell'una o dell'altra avrebbe invece provocato una serie di conflitti di gravità via via crescente fino a provocare un olocausto globale dove tutte avrebbero conosciuto la medesima tragica fine.

I sopravvissuti del pianeta di cui vi sto raccontando infatti, si trovarono interpreti forzati di un palcoscenico infernale e radioattivo, maledendo la buona sorte o quel dio da cui erano stati salvati, per dover patire atroci sofferenze, fame, stenti sotto un cielo di cemento e mari desertici di acciaio fuso dalla loro stessa pazzia.

Ma la colpa di quanto accaduto non fu solo dei vertici occulti ma anche delle popolazioni di ambo le fazioni: sia quelle "iniziate" che quelle "profane" infatti, avrebbero dovuto comprendere, quando gli veniva spiegato, di non farsi dividere in fazioni, di non farsi aizzare a odiarsi, a giudicare, a criticare, a disprezzarsi l'un l'altra, poiché le diseguaglianze e le reciproche umiliazioni e frustrazioni, le avrebbero inevitabilmente portate, presto o tardi, all'odio e al conflitto autodistruttivo finale.

L'unica alternativa possibile era maturare la capacità psicologica di una pacifica coesistenza fra le due fazioni, basata sulla reciproca comprensione e cooperazione. Questo concetto sarebbe valso in ogni caso, anche se le due fazioni fossero state, le une agli occhi dell'altro, aliene e indigene al tempo stesso. Allora i popoli avrebbero conosciuto una parola sola: "Pace" in nome di un ideale collettivo di serena e prospera esistenza.

A proposito, tanto tempo fa, ebbi modo di scrivere in questo mio diario aperto, una riflessione dove parlavo del messaggio più importante contenuto in due particolari film: Matrix e V per Vendetta.

Oggi come allora, ricevo sul canale Youtube alcune comunicazioni da parte vostra, dove denunciate l'esistenza di certi internauti, che pur cambiando nome, si ostinano ad aprire siti, forum, profili su facebook dai quali, imperterriti, istigano i loro lettori alla rivolta violenta nei confronti del sistema, a loro dire governato da rettiliani, illuminati ecc...

Costoro dicono di ispirarsi ai messaggi contenuti nei film "Matrix" e "V per Vendetta" e in particolare alle icone di "Neo" e "V", i protagonisti dei due film.

Ebbene temo che queste persone abbiano completamento frainteso il vero messaggio in essi contenuto.

La dimostrazione è sia nelle loro parole, cariche di odio e razzismo, sia nell'insistere a presentare come verità assolute, quelle che in realtà sono teorie, oltretutto strumentalizzate da poteri il cui unico interesse, dalla notte dei tempi è quelle di dominare le masse creando fazioni e tenendole anche in periodi di relativa pace, nel conflitto e nella tensione.

Il Vero significato dei film matrix e V, infatti non è una istigazione alla rivolta violenta...

E' l'esatto contrario.

In V per Vendetta, poco prima di morire, lo stesso V, il violento ma nobile protagonista, dichiara che la violenza è sbagliata.



Lui stesso infatti, morendo, si augura la fine delle violenze, e che il suo sacrificio, risparmi milioni di altre vite.

E per fortuna viene capito.

Sia dalla amata Evey, sia dai cittadini.

Gli stessi soldati governativi quando vedono arrivare milioni di persone che marciano verso la sede del potere, non in modo aggressivo, ma al contrario, ordinato, consapevole, comprendono che sia loro che i cittadini non sono strumenti di opposte barricate:

sono invece una cosa sola.

Sotto le divise il Cuore ha un solo colore.

Cittadini e soldati diventano incarnazione del vero messaggio di V ovvero che la violenza è sbagliata e che l'unica soluzione pacifica, senza spargimenti di sangue, senza vittime innocenti è apprendere quello che io, sin da piccolo, chiamo "Altruismo Organizzato": un Altruismo senza fanatismi o egocentrismi finalizzato unicamente a migliorare le cose per tutti e in modo pacifico e con buon senso.


Purtroppo questo dettaglio sfugge ai "profeti" del web che si schierano in fazioni opposte dove da un lato vediamo gli "astratti" che dinanzi ai problemi seri dalla vita, continuano a parlare di "luci" ed "angeli" a qualsiasi costo.. e dall'altro troviamo i guerrafondai e i pessimisti paranoici, che auspicano morte e distruzione comunque vadano le cose, portando i lettori a sospettare di tutti e tutto... anche della loro stessa ombra. E come capite tutto questo non è bene...

Ma torniamo al film.

In "V", nel finale, è la stessa popolazione ormai matura, consapevole di se stessa, che fa comprendere ai militari pronti a sparargli addosso, che è sbagliato calpestare i diritti dei cittadini per servire dei poteri corrotti fino al midollo.

E i militari, infatti, comprendendo intuitivamente che tutto è uno, che il Cuore ha uno solo colore, abbassano giustamente le armi.

Non si è più militari o cittadini: si è solo Uomini e Donne che hanno smesso di essere strumenti di un partito o dell'altro.

Non si è più schiavi di culti, di politiche, di sette, di mafie, di pregiudizi ecc...

I cittadini sono uniti, non più divisi fra destra e sinistra, sopra o sotto.

L'unico loro fine diventa il miglioramento della qualità della vita di tutti.
TUTTI.
Non solo quelli che sono amici di certi potenti.

Capito la differenza?




Anche in Matrix, poco prima di morire, il protagonista Neo, dopo sanguinose e sterili battaglie contro le macchine (che metaforicamente rappresentano il Sistema), capisce che tutta quella violenza nasce dall'odio e dalla disonestà di persone corrotte all'interno del sistema stesso.

Nel film infatti c'è anche l'agente "Smith" un programma malato che rappresenta appunto le persone che traggono vantaggio e lucro dal creare litigi, tensioni, dal buttare fango addosso ad entrambi gli schieramenti.



Lo scopo degli "agenti Smith" è non consentire mai nelle persone la realizzazione di quella serenità interiore che consenta un sincero risolutivo dialogo fra le parti in conflitto.

Ma chi è intelligente sa riconoscere gli agenti Smith.

Li riconosce dal fatto che vanno a casa d'altri, e subdolamente parlano male dell'una o dell'altra parte.

Nel film Matrix questo agente Smith in realtà odia sia gli umani che le macchine.

Vorrebbe la distruzione del Tutto: il Caos.

Neo invece, proprio alla fine della sua vita, dopo aver perso anche la vista e la persona amata ha quello che in psicologia viene chiamato "Insight", l'illuminazione, l'intuizione.

Essa lo rende vincente e risolutivo rispetto ai suoi predecessori che mossi esclusivamente dall'egocentrismo, al momento topico avevano fallito tutti.

Anche questa è una metafora: ovvero l'egocentrismo, l'odio, gli estremismi, le tensioni, sono da evitare.

Non sono dimostrazioni di democrazia. Sono i pretesti con cui le imperanti oligarchie mondiali invece strumentalizzano le persone deboli e ingenue, facendo leva sulle loro frustrazioni.

Neo invece, trova il dialogo con le macchine e pone fine alla guerra con loro, al ciclo della distruzione e rinascita della civiltà terrestre sotterranea:

ma come lo fa?

NON distruggendo le macchine, NON vincendo la "sua" guerra, NON eliminando una razza nemica a favore della "sua".

No signori.

Neo migliora le cose portando umani e macchine all'armonia.

Il messaggio finale del film infatti è che entrambe le fazioni hanno diritto di vivere.

Neo, l'umano di grande Cuore (e dotato al contempo dei poteri percettivi delle macchine), diviene l'anomalia del sistema: nato nel sistema stesso, ma che riesce appunto a superare i limiti caratteriali laddove i suoi predecessori avevano fallito: aiutare macchine e umani a far pace restituendo dignità e senso di esistenza ad entrambe le razze.

Armonia degli opposti.
Il pianeta è uno. Tutto è uno.
Entrambe le razze fanno parte del pianeta.
L'una non può sopravvivere senza l'altra.

Unica soluzione per evitare un bagno di sangue con l'autodistruzione di entrambe, o sicuramente della più fragile (la umana), diviene appunto quella di riportarle alla ragione in modo pacifico aiutandole a capire, se occorre anche con severità per allontanare gli "agenti SMITH" (trolls, diffamatori, debunkers, calunniatori, guerrafondai, disfattisti, esaltati, egocentrici, fanatici, paranoici ecc..), che TUTTI fanno parte del Sistema e che:

il vero miglioramento nasce a partire da sè stessi, pacificamente, nelle piccole grandi cose.


Il film si chiude con le macchine che sollevano il corpo di Neo ormai esanime, e lo introducono all'interno del loro stesso sistema di potere, lasciando intendere però di:

avere imparato da lui che la guerra è sempre sbagliata e che il dialogo privo di fini reconditi, avidità, egoismo, ambizione, estremismi e paranoie è l'unica soluzione pacifica possibile.


Il vero messaggio di questi due film è dunque che l'Amore per la Vita, quelle genuino, quelle che contraddistingue le persone oneste e intelligenti da quelle disoneste e stolte (amanti del sospetto e della paranoia fini a se stesse), trionfa sull'istinto di sopraffazione e su quei poteri che da sempre traggono lucro e vantaggio dal porre una fazione contro l'altra.

Siate voi adesso a dare il corretto nome alle due fazioni.

Un Abbraccio Forte.

Adam


14 commenti:

  1. Non a caso, una volta dissi che:
    L'unica Morte che riconosco come tale è la Corruzione...

    Ma sento che le cose stanno già migliorando :)

    grazie a tutti quelli che stanno facendo qualcosa per migliorarle <3

    RispondiElimina
  2. Caro Adam, hai sempre parole bellissime per noi e ti ringrazio per questo dal profondo del mio cuore. In questa realtà è raro anche solo leggere tanto amore. Credo che l'umanità debba prima imparare a non avere paura, anche Neo all'inizio era spaventato...non capiva, non poteva capire...finchè non gli fu mostrato. E quindi io mi chiedo...come faremo noi a capire vivendo in un mondo dove non ci è permesso sapere e vedere? Alcuni di noi possono solo immaginare, ma come dici tu senza l'altra parte non si può fare nulla...Ti abbraccio Dafne

    RispondiElimina
  3. L'inizio dei tempi fu chiaro, netto. Come la vita e la morte, ha scandito in modo chiaro la sua direzione. Pace, libertà e rispetto ne erano il fondamento, unione e cooperazione il fulcro, la verità lo scopo. Adam, o chiunque tu sia, in te è chiaro e altrettanto netto lo scopo, la direzione. Il tuo cuore ha provato ogni cosa umanamente comprensibile, e forse di più, ma non commettere l'errore dei grandi di ogni tempo, condividere consapevolezza non è la sola strada. La salvezza collettiva risiede nella condivisione della conoscenza, e nell'amore che ci si mette nell'impiegarla. La gente è pronta x comprendere come amare ciò che può fare, conducendo l'intento evolutivo in una direzione disinteressata e collaborativa, di felicità comune, dove in ogni dove, ogniuno di noi si sembrerebbe a casa, poiché amato. Questo enorme cuore c'è, esiste, attende solo la scintilla giusta x tornare a battere. Charles B. Beckett

    RispondiElimina
  4. Un raggio di sole basta a dissipare molte ombre. Grazie Adam
    Sempre con te
    Sabry

    RispondiElimina
  5. Chiedo scusa x gli errori di "testo" nel mio precedente messaggio, ma scrivere con il cellulare e il t9 a volte è problematico.

    RispondiElimina
  6. Non ti seguo da molto Adam, ma credo che anche quel poco che ho letto fino ad ora sia sufficiente..Chi la pensa allo stesso modo si "trova" sempre e subito..Mi hai aperto un mondo nuovo, un mondo in cui ogni essere umano ha e deve avere la consapevolezza di se, per poter aiutare gli altri..Grazie davvero. Federica

    RispondiElimina
  7. Adam ciao, è da molto ke ti seguo e al contrario di molti ke sono presenti sul web e hanno detto molto sul 2012,le poche cose che hai detto e come lei hai detto istintivamente mi hanno fatto pensare a te come a un amico di lunga data. Ti volevo kiedere una cosa riguardo il 2012 mi sai dire se cè qualcosa di vero nell'ascensione di cui mlt si parla sul web anke xkè le informazioni sn mlt contrastanti e si và dalla maratona meditativa all'eremitaggio al è inutile solo poki eletti si salveranno. te lo kiedo xkè cosi almeno potrò dare una risposta al mio fratellino ke mi tempesta di domande...cntinua e nn mollare sappi ke le tue parole "nn sei solo" hanno acceso una candela in un periodo nn mlt bello x me...

    RispondiElimina
  8. grazie x tutto .. namastè <3

    RispondiElimina
  9. Adam ti scrivo solo per dirti GRAZIE. un abbraccio!

    RispondiElimina
  10. La realtà non è di questo mondo.

    Ti rispetto per gli sbatti che fai, "illumini" la strada a chi sta perdendo la vista...

    Ho una forte e profonda paura che il punto di non ritorno sia ahimè stato superato da un pezzo....

    .. e come nel "pianeta verde" l'unico modo per cambiare è trovare un posto da non cambiare.

    RispondiElimina
  11. Ciao Adam!
    A tale proposito avrei una domanda per te. Non so se conosci il sito Vigilant Citizen, lì sono praticamente fissati con illuminati e cospirazione, tant'è che ne vengono analizzati i simbolismi nei film e nell'industria musicale. Quanto è attendibile questo sito secondo te?

    Poi ti vorrei ringraziare per tutto quello che fai e che dici. Leggendo il tuo blog sento una forte sensazione di Amore, così bella che talvolta mi commuove.E' come se il mio chakra del cuore diventasse più grande.
    Spero che il tuo Amore possa toccare più Cuori possibili.
    Grazie e che tu sia benedetto.
    :)
    <3

    RispondiElimina
  12. Sempre detto anch'io che era questo il vero messaggio dei due capolavori da te citati e ancor meglio descritti di come avrei fatto io.
    Un abbraccio,
    Ya'agob

    RispondiElimina
  13. Certi purtroppo non capiscono bene il messaggio di questi film. V (che fra l'altro adoro sia come personaggio che per le sue ideologie), per esempio, rappresentava tutta l'umanità, quell'umanità che doveva sopportare tutte le angherie da parte dei poteri forti. Lui si, si batte in maniera cruenta. Però lo ha fatto solo per permettere al popolo di potersi ribellare in maniera non violenta. Si può notare dalla scena del popolo che scende in strada a ribellarsi. Non sono dovuti ricorrere a nessuna arma, a nessun gesto violento verso chi si è opposto loro, che una volta vedendoli tutti UNITI si sono arresi. Un popolo unito e altruista vale più di qualsiasi arma. E questo era quello che sperava V. Che il popolo riuscisse a prendere coscienza di se e a ragionare con la sua testa invece che facendosi suggestionare dai mass-media. Evey prima che venisse liberata da V aveva iniziato già a capire queste cose, c'era un conflitto in lei. Ma ha capito V e alla fine ha fatto la scelta giusta. E' andata oltre l'apparenza e ha dato sostegno a V. Dovremmo prendere spunto positivo da questo film e non coglierne solo il lato violento perchè ha un messaggio ben più profondo <3 x 7

    RispondiElimina