sabato 17 agosto 2013

il prestigioso "New York Times" riconosce il contributo di Adam Kadmon all'informazione


Il "New York Times", prestigioso giornale statunitense, ha riconosciuto l'importanza di Adam Kadmon nel contribuire all'informazione in Italia. 

Alcuni link li trovate in una delle due pagine Facebook dedicate dai fans realmente ai suoi valori: (clicca qui per accedervi)

Nel giugno 2013, anche i servizi di informazione ufficiali, riportando le dichiarazioni di un ex tecnico della CIA, confermarono, seppur indirettamente, la veridicità di numerose notizie che Adam aveva riferito con anni di anticipo a lettori ed ascoltatori sotto forma di "fiabe" e "teorie".

Ora si comprende il perché di tanto affanno da parte di quei signori che tramite false segnalazioni hanno fatto chiudere su internet la maggior parte di pagine che parlavano bene di Adam Kadmon pur sapendo che divulgavano i suoi valori di rispetto reciproco e pace, lasciando al contrario totalmente aperte, e addirittura esaltandole sui motori di ricerca, quelle di coloro che invece inventavano falsità contro di lui, compreso alcune che addirittura istigano i loro lettori alla rivolta violenta.

Ma chi istiga alla rivolta violenta, fa invece proprio il "gioco" di quei Poteri che si contendono il dominio delle popolazioni. Secondo la teoria presentata da Adam Kadmon, infatti, la strategia adottata dai suddetti poteri e dai loro servi, è esattamente quella di portare le singole persone, specie quelle oneste, alla disperazione e all'odio, cosicché da dividerle poi in gruppi, e metterli gli uni contro gli altri. Approfittando della mancanza di lucidità delle menti in stato di sofferenza, dovuta alle mille preoccupazioni e all'ira, i poteri che creano questi scontri e tutto questo odio, si servono poi di internet, ad esempio di reti di blog, forum ecc.. per strumentalizzare le persone più impulsive, cosicché si rendano responsabili di campagne diffamatorie o atti di violenza, contro chiunque i poteri che dirigono il "gioco" e i loro servi, ritengano essere di ostacolo ai loro "affari" in quel dato momento storico. Inoltre tali poteri, per essere realmente "forti", è chiaro che dispongano di armi, tecnologie, strategie in grado di sedare in un attimo qualsiasi rivolta da parte del popolo, anche la più violenta, e anche nella remota ipotesi riesca ad organizzarsi. Del resto, come possono lontanamente pensare, delle popolazioni che non riescono neppure a sconfiggere la corruzione ai livelli più bassi, di riuscire a distruggere, oltretutto con la violenza, poteri che dimostrano di essere intoccabili e fare ciò che vogliono? La verità è che i problemi che affliggono la popolazione, contrariamente a quanto pensa l'uomo comune, non sono dovuti a quel dato politico o a quell'altro, ma piuttosto ad un intero sistema di cose che non va, di cui tutto, e non solo la politica, fa parte. Le popolazioni, se ne rendano conto o meno, sono il carburante di tale "sistema", di tale macchinario che "funziona male". Quindi soltanto attraverso la presa di coscienza del problema e poi adottando un insegnamento al rispetto reciproco collettivo e capillare, è possibile iniziare a privare il "macchinario" del carburante. Ad ogni modo, la storia insegna che qualsiasi democrazia conquistata tramite la violenza, ha visto solo il cambiare nome e volto dei padroni, mentre il popolo onesto è rimasto comunque schiavo. Il male non si combatte con la violenza, poiché chiunque vinca, sarà comunque un potere violento. Dalla violenza e dalla morte nasce solo altra violenza e altra morte. E' solo questione di tempo. E' come se si volesse spegnere il fuoco usando la benzina o altro fuoco. Invece Adam propone un cambiamento di coscienza basato sull'insegnamento a tutti del rispetto reciproco e psicologia per comprendere se stessi e le necessità altrui. Occorre tempo e pazienza, ma i risultati sono evidenti e duraturi poiché anche i componenti del potere più deviato, inizierebbero anche loro, gradualmente, a comprendere e migliorarsi. Basterebbe iniziare ad insegnare tali materie nelle scuole, nelle famiglie, con serietà e metodo. Una popolazione educata ad applicare questi valori, non è più corruttibile e sa autogestirsi facendo venire meno l'esigenza di una autorità che la controlli. L'opposizione a tale insegnamento, potrebbe essere infatti operata solo da coloro che vedono i loro affari intralciati, il loro potere venir meno, qualora la popolazione tutta, inizi a rispettarsi e a comprendersi, a non farsi più strumentalizzare e trascinare in guerre, civili o internazionali che siano. Il miglioramento avverrà tanto più rapidamente quanto più rapidamente venga compreso tale concetto. 

In ogni organizzazione umana, vi sono persone buone, e persone che lo sono meno.

Dal crollo delle istituzioni deriverebbe solo il caos e guerre civili terminate le quali, niente cambierebbe se non, al massimo, il nome e il volto dei padroni.

Il VERO miglioramento avviene, sempre come appunto spiega Adam, SOLO educando tutti al Rispetto Reciproco e mai tramite violenza e omicidio.

Dunque non si guardi più all'abito che è apparenza. 

Non sono la cravatta e la pettinatura a rendere una persona onesta.

E' il suo Cuore.

Si guardi dunque al Cuore di chi agisce, specie quando lo sacrifica in nome di un bene collettivo, pur sapendo che il proprio gesto, da alcuni verrà ignorato o sminuito se non addirittura disprezzato.

Si impari a non giudicare le persone in modo superficiale.

E se proprio occorre giudicarle, lo si faccia dai frutti genuini delle loro azioni e non delle bugie diffamatorie divulgate da persone corrotte, fanatiche o squilibrate.

Diventi chiaro per tutti quanto sia importante NON fare MAI "di tutta l'erba un fascio", errore che invece compiono purtroppo tante persone, alcune per ignoranza, altre per interesse ed avidità.

La motivazione per cui le persone oneste vengono puntualmente calunniate e diffamate è spiegata chiaramente proprio in questo video di Adam Kadmon 
trasmesso al termine della settima serie di Mistero: "Cosa si intende per 'società segreta deviata', cosa è la 'Macchina del fango' e come migliorare le cose per tutti senza ricorrere alla violenza" (CLICCA QUI PER VEDERLO)

Vi consigliamo di ascoltarlo attentamente, anche più di una volta se occorre, divulgandolo quanto più possibile perché fa comprendere la vera natura di coloro che in questo pianeta, fanno andare le cose in direzione opposta a ciò che sarebbe logico e giusto, nonché quali poteri stiano favorendo coloro che inventano falsità contro Adam Kadmon o contro chiunque altro, provi a migliorare in nome della pace e nelle sue possibilità, la qualità della vita di tutti (si ricordi ad esempio come cercarono di stroncare la carriera e rovinare la vita del generosissimo e bravissimo Michael Jackson che fu accusato vigliaccamente ed ingiustamente di commettere proprio quegli odiosi crimini contro cui invece da sempre combatteva).


Nel frattempo, in attesa dei nuovi servizi di Adam Kadmon all'interno del programma Mistero in onda su Italia 1, confermiamo che a partire di settembre saranno trasmessi 5 speciali da lui condotti.


Buona visione e a presto.



Adam Kadmon Team


14 commenti:

  1. Tempo al tempo e poi la verità, anche la più scomoda, trionfa sulla menzogna! Questa è una grande soddisfazione per tutti coloro che vogliono veramente bene ad Adam.

    Sei veramente speciale Amico mio!

    Un abbraccio. Andrea

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di vedere lo speciale del caso
    ''Edward Snowden'' perché comfermerebbe la teoria dell'occhio del Grande Fratello non come una teoria ma come verità assoluta..

    RispondiElimina
  3. sto facendo il conto alla rovescia, finalmente domenica sta arrivando, non vedo l ora di rivederti in tv tvtb caro Adam

    RispondiElimina
  4. Adam vorrei che continuassi a indagare su Michael Jackson,sulla storia del 5 Alive Dodo,la canzone This is it al contrario e tutto il resto.
    -Resterai sempre il mio uomo del mistero preferito!

    RispondiElimina
  5. C’è qualcosa nell’aria, che vibra come una sorta di avvertimento, qualcosa che elude i nostri cinque sensi e che viaggia su onde differenti. Non so dare un nome a questo “qualcosa”, posso solo cercare di descriverlo come una sensazione di inquietudine sottilissima, che permea l’aria e l’anima di chi vive con questa corrispondenza a senso unico..e che forse a senso unico non è. E’ come avvertire che il tempo stia finendo, istintivamente mi guardo attorno chiedendomi cosa sta per accadere, cosa sta arrivando di così grande, da dove..e come dovremo affrontarlo. Esiste un’unica via che possa portare l’uomo ad essere veramente libero, una via che ci stata indicata molte volte in passato..e che ribadisci con fermezza anche tu, tu che ripeti che ci vorrà tempo,costanza,pazienza..e molta forza,si..perchè bisogna essere davvero forti per accogliere il peggio che l’uomo possa offrire, senza lasciarsi sopraffare da esso, uscendone peggiorati. Io non penso che l’odio e l’egoismo siano insiti nel genere umano, non in così larga misura almeno. La sensazione più inquietante che ho, è che qualcosa o qualcuno stia coltivando questo “male” come si coltiverebbe una pianta, con cura..costanza, metodo, e che da molto tempo ormai siamo in qualche modo “addestrati” a farci del male, o peggio ancora a non lasciarci toccare dal male che viene perpetrato ai danni del prossimo. Eppure siamo parte di una “rete”, siamo qualcosa di più grande..ognuno di noi è parte di tutti gli altri,come cellule di un unico organismo..come è possibile non accorgersi che ci stiamo avvelenando giorno dopo giorno, complici ignari (il più delle volte) dei nostri carnefici. E qui la domanda regina: chi sono i carnefici? Non ho idea di chi possa avere una simile risposta, io non sono nemmeno in grado di intuirla, e probabilmente tu una qualche idea te la sei fatta, come mi chiedo se veramente possa giovare il conoscere la risposta..o la via che conduce ad essa,che probabilmente è fatta di infinite risposte intrecciate fra loro con uno scopo comune. Ed in questa immensa paranoia, non faccio che chiedermi se al mondo possa esistere davvero qualcuno capace di muoversi per il bene comune. Poi arrivo,quasi per caso, ad uno dei tuoi tanti messaggi, e comincio a ragionarci sopra..non tanto sul messaggio stesso, perfettamente condivisibile dal mio semplice punto di vista di persona non incline a sentimenti negativi, quanto sul fatto che effettivamente sembra che qualcuno,dall’altra parte dell’universo, stia mandando dei segnali di speranza. Quel qualcuno si è dato un nome che è tutto un programma,come si suol dire..(e non sto parlando di Papa Francesco ;) ) , e la parte di me che annaspa nel mare di paranoie,figlie del tempo che viviamo, comincia a chiedersi se non sia un fake, un pazzo esaltato, o il frutto di qualche businnesman astuto, o magari una qualche diavoleria pubblicitaria. In tutto questo ragionare decide di svegliarsi, magari aprendo un occhio solo, l’altra me,quella fatta di istinto ed ottimismo, quella che alla fine bada bel poco al superfluo e va subito al dunque, ed in un attimo risponde da sola ai miei dubbi con un unico ragionamento, ovvero…ha davvero importanza chi o cosa sia Adam, se e quando il messaggio che porta è comunque un messaggio di (lasciatemi usare questo termine ormai screditato da secoli di nefandezze religiose,perché è bellissimo) FRATELLANZA? No..non è importante chi tu sia (o siate), non è importante se e quanto guadagni nel fare quello che fai, non è importante nulla, se quanto ci comunichi ci spinge comunque a cercare di migliorarci. Possiamo solo cercare di distinguere quando un insegnamento è buono, ed accoglierlo come un dono. Di questo dono ti ringrazio, perché hai risvegliato una parte di me che era stata un po’ sedata dalla vita e dalla mia pigrizia, e perché nei momenti meno buoni il mio pensiero torna ad alcune delle tue parole, e mi permette di riattingere a quella forza sopita, capace di rendermi (non dico tantissimo) una persona migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così. Adam Kadmon è una persona che divulga valori universalmente validi, che se compresi, aiutano a non farsi strumentalizzare da nessuno, e a migliorare le cose per tutti. Questo è il vero unico motivo per cui certi poteri deviati lo odiano tanto al punto da organizzare campagne diffamatorie basate sul nulla o su menzogne. Questi signori, o meglio, i loro padroni, lucrando e traendo potere dal mantenere la popolazione in lite, sempre e comunque, Temono che Adam, rasserenando le persone, le rassereni gradualmente al punto che in numero sempre maggiore, come sta già accadendo, aprano gli occhi sulla realtà, capendo che non fu mai questione di politica o religione, ma solo di possedere una coscienza morale. Adam inoltre, ha sempre detto "non credete in me" ma "credete in voi stessi, nei valori genuinamente altruistici, poiché voi e soltanto voi, applicandoli, divulgandoli e insegnandoli correttamente, avete la possibilità concreta di realizzare un presente e un domani migliori, senza mai più farvi manipolare e strumentalizzare da nessuno". Sei stata molto gentile. Adam e noi, nel ringraziarti per la tua dimostrazione di gratitudine e le cose belle che hai scritto, ti mandiamo un grande abbraccio che estendiamo a tutte le persone dal cuore limpido che ci scrivono. Grazie a tutti Voi di esistere.

      Elimina
  6. Cerco qualcuno che si voglia unire a me per chiedere democraticamente e con la PACE nel cuore di far valere i nostri diritti, per lottare pacificamente, come ci sta amorevolmente suggerendo Adam.
    Facciamo qualcosa finché siamo in tempo?
    Da sola...non penso di poter fare nulla...

    RispondiElimina
  7. Ciao Adam, complimenti per la tua bravura genuina. Ti scrivo perchè mi piacerebbe tanto che su Mistero di Italia 1 parlassi del cronovisore di padre Ernetti, tanti no ne hanno mai sentito parlare. Ritengo sia importante, visto l'audience del tuo programma. Sapere è un dovere", credo che concordi con me. La verità ci renderà liberi. Ti ringrazio. Buona fortuna. Ciao

    RispondiElimina
  8. SHALOM pace a te Adam , che Dio ti benedica.

    RispondiElimina
  9. Ciao Adam, sono Vincenzo. Io, la mia ragazza e la mia famiglia ti seguiamo sempre.. Siamo contenti di ciò che dici perché ogni tua fiaba, (anche se vogliamo considerarle fiabe), hanno tutte una loro precisa morale.. ed è per quella morale che noi combattiamo..la verità ci rende tutti liberi.. Non sai quante volte ho immaginato di incontrarti per sapere cosa ti rende così speciale, ma so anche per colpa di alcuni questo non è possibile.. dunque non ci è rimasto altro che leggere le tue risposte e quelle del tuo team per capire che ci sei vicino e ci ascolti.. continua così perché prima o poi i "non vedenti" potranno vedere e rendersi conto dell'importanza di ciò che dici.. a presto e un abbraccio forte!!!!!

    RispondiElimina