mercoledì 22 giugno 2011

La teoria delle Scie Chimiche + "breve" guida al sereno approccio con il "complottismo" ;-)

A grande richiesta ripropongo un argomento di cui parlai già oltre due anni fa tramite radio 105 e lo accompagno ad una "breve" guida che aiuterà NON poco a districarsi nel controverso mondo del complottismo e catastrofismo sul web.

Purtroppo a causa delle assurde esagerazioni di cui si rendono responsabili alcuni siti e blog (che a loro dire, sarebbero unici detentori della verità e della corretta "divulgazione" di questo tipo di argomenti), molte persone si chiudono a riccio, in particolare sull'argomento "scie chimiche", definendolo una "totale bufala".

E gli sfugge invece, un certo servizio del TG1 del 10 maggio 2007, passato quasi del tutto inosservato, che come niente fosse, rivelò l'esistenza di aerei in grado di rilasciare agenti chimici nei cieli di certe nazioni, allo scopo di modificare il clima: nella fattispecie si trattava del cielo della ex unione sovietica e più precisamente di Mosca.



In questo post vi darò qualche dritta su come muoversi nel mondo del complottismo senza inciampare in "bufale" e mostrerò una serie di video che possano aiutare anche chi non ha mai sentito parlare di questo fenomeno, a prendere rapidamente atto della situazione, con tranquillità.

Ritengo infatti sia diritto di ogni cittadino poter parlare con serenità di questo tipo di argomenti, senza dover temere di essere deriso o aggredito, da chi la pensa diversamente.

Perlomeno così dovrebbe avvenire in nazioni realmente democratiche e fra persone civili.

Vero?

Discuterne invece in modo paranoico, istigante a violente rivolte contro apparati istituzionali, come purtroppo fanno alcuni gestori di questi siti di complottismo estremista, oltre ad essere, in casi di particolare gravità, illegale, è comunque psicologicamente sbagliato.

Altrettanto sbagliato è come agiscono certi "scettici ad ogni costo" e quelli che sposano a priori le posizioni della scienza ufficiale quasi come fosse una fede dogmatica (conosciuti anche con il nome di debunkers).

Sinceramente penso che gli estremismi, non siano mai un bene.

Entrambe le categorie, con il loro comportamento, ottengono come unico effetto quello di precludere anche alle menti più aperte e obiettive, la possibilità di prendere atto del problema e valutare una soluzione concreta e quanto più possibile pacifica per risolverlo.

Sono certo che da lettori avveduti, capiate benissimo cosa intendo dire.

Senza tenere conto poi, che vi sono mentalità decisamente non abituate ad ascoltare certi argomenti, e quindi non elastiche... di ristrette vedute...
Queste ultime, di conseguenza, attivano un'immediata difesa mentale (e dunque ulteriore chiusura) per resistere a quella che il loro inconscio (e non solo) ritiene una brutale aggressione a quelle convinzioni (false o vere che siano), su cui basano da sempre le loro sicurezze psicologiche.

Solitamente la loro difesa consiste nel ridicolizzare o sminuire, senza neppure riflettere, proprio quel fenomeno, ad esempio le "scie chimiche", che se accertato, meriterebbe invece di essere studiato con molta serietà.

Anche qui capite certamente a cosa mi riferisco.
Internet è pieno di esempi di questo genere.

E come vi ho spiegato non è neanche colpa loro, ma del modo errato ed esageratamente aggressivo con cui numerosi individui, divulgano argomenti così delicati finendo con il renderli incredibili.

Al contrario presentarli in forma digeribile, converrete, sia il modo migliore per aprire una forma di comunicazione anche con le menti più ostinatamente refrattarie.

O almeno ci si prova ;-)



Ma c'è un altro punto molto importante per cui ritengo che sia necessario essere delicati quando si affrontano questi argomenti e mi auguro di Cuore che anche i complottisti più estremisti, comprendano bene quanto sto per comunicare.

Se fosse vero, come affermano appunto alcuni sostenitori del "cospirazionismo estremo", che le scie chimiche siano un complotto su scala planetaria ai danni dell'Umanità, a maggior ragione, istigare le masse tramite certi blog e siti come fanno alcuni sedicenti detentori di verità, ad odiare e rivoltarsi contro particolari categorie istituzionali, ostacolerebbe proprio il lavoro di quelle Autorità Competenti e quei Servizi Segreti NON DEVIATI (ovvero NON abusanti del loro potere per trarre vantaggi personali e/o lucro), che magari stanno già accertando la vera origine, le vere cause, di questo ipotetico fenomeno, allo scopo di porre fine a questo presunto "complotto".

INOLTRE SIA CHIARO UNA VOLTA PER TUTTE: vedere numerose "scie in cielo" e notare poco dopo, un eventuale appannamento di quest'ultimo, per fortuna (e ribadisco "per fortuna" perché anche io come Voi e chiunque sia ancora sano di mente, non auspico certo l'esistenza di una segreta Apocalisse chimica giusto per aver ragione, come invece sembrerebbero fare taluni complottisti), NON dimostra per nulla l'esistenza di quel complotto genocida su scala globale, che certi signori, senza MAI specificare trattarsi di una mera teoria, spacciano invece come assoluta verità, oltretutto in modo fuorviante e incosciente, ricorrendo, cosa ancor più grave, all'aggressione verbale sistematica (e talvolta alla palese calunnia) a danno di chiunque non la pensi in modo paranoide e tragico come sembrerebbero far loro.

Io sono dalla parte di chiunque affronti i problemi, di qualunque tipo essi siano, mantenendo (COSA FONDAMENTALE) sempre serenità e autocontrollo: qualunque possa esserne la gravità e la complessità, il non essere impulsivi, aiuta moltissimo nel risolverli, o quantomeno a non aggravarli.

Lo so.

In tantissimi mi avete scritto tempo addietro, lamentando di essere stati aggrediti verbalmente e diffamati proprio da alcuni dei signori rientranti nelle due categorie di cui parlavo sopra (complottisti-catastrofisti e debunkers).

So benissimo di cosa parlate perché io stesso da quando ho un minimo di popolarità, sono soggetto a continui attacchi da questi personaggi.

L'impressione che si trae è che a costoro della verità, sembra non importare assolutamente niente: ambiscono solo ad avere il monopolio assoluto di un certo tipo di informazione sul web.

E per farlo purtroppo, spesso dimostrano di inventarsi qualsiasi cosa e diffamare chiunque ritengano un ostacolo ai loro "affari".

Ma il mio consiglio è di portare pazienza con loro e di non perderci neppure tempo a litigare.

Notate piuttosto che i colpevoli di questi comportamenti vessatori, non sono componenti di "società segrete" o "alieni" dal testone color grigio-giallastro, oppure dalla pelle verde rutilante con evidenti pupille verticali.

No signori.

Si tratta di puri esseri umani affetti da megalomania ed egocentrismo, irrispettosi dei diritti del prossimo ad avere una libera opinione, che agiscono con prepotenza invadendo gli spazi altrui (non hanno neppure il buon senso di starsene nei propri)..

Mi viene anche il sospetto che costoro non credano ad una sola parola di quello che dicono, altrimenti, data l'entità del potere che attribuiscono agli artefici di questi presunti complotti, se codesti "mostri" di cattiveria realmente esistessero e fossero concretamente infastiditi dagli "urlatori" di verità, questi ultimi sarebbero stati neutralizzati ancor prima di presentarsi.

E già, perché costoro si vantano di poter denunciare le loro "verità" a viso scoperto e di potersi presentare dando tranquillamente nome e cognome.

E certo... questi detentori di verità assolute, sono invulnerabili agli incidenti stradali, ai suicidi forzati, ai proiettili e al tritolo...

No signori.

Se costoro credessero almeno alla metà delle cose che dichiarano, a meno che non siano completamente idioti, saprebbero benissimo che per quanto "prepotenti", armati e numerosi essi siano, se denunciassero un potere occulto che realmente esiste, e si vantassero stoltamente anche di averne le prove, oltretutto avendo l'ingenuità di farlo a viso scoperto e addirittura dando nome e cognome, non avrebbero tanto tempo da perdere ad andare negli spazi altrui a molestare chi ha opinioni più serene e fiduciose nel futuro delle loro.

Vivrebbero o sotto scorta (se facessero in tempo ad ottenerla), o nascosti in luoghi impensabili, recitando per anni il ruolo di banalissimi cittadini per non dare nell'occhio, e trasmettendo i loro messaggi tramite catene di amici e conoscenti.

teoria o Realtà...?

Purtroppo la tragica storia di certe azioni poste in essere da note organizzazioni criminali, parla molto chiaro a proposito.

A loro non importa chi sei.

Se non sei protetto, se non sei uno che conta, se dai loro fastidio, se commetti l'errore di fornirgli la tua identità, la storia stessa appunto insegna, che senza scorta (e purtroppo per alcuni eroi non bastò neppure), si finisce tragicamente.

Già solo questo fatto dovrebbe dirla lunga sul conto di quei signori che a viso scoperto si improvvisano violenti rivoluzionari del web, e detentori di assolute verità.

Ma non è tutto.

C'è un altro aspetto.

Per asserire come fanno loro, e dunque con estrema certezza, che sia davvero in atto una cospirazione, ci vogliono quelle che si chiamano PROVE.

E le prove, per tutti i motivi che ho spiegato poc'anzi, si raccolgono con calma, prudenza e serenità.

E sopratutto seguendo un "METODO".

Cercherò di spiegare a parole semplici cosa intendo per "Metodo".

Tanto per cominciare, certe persone sono così ingenue che a prova di quanto dicono, mostrano un libro.

Un libro, NON è una prova.

Chiunque può aver scritto quel libro e fosse uno scienziato, quando si tratta di certi argomenti, non è detto che abbia le prove di ciò che afferma, e tantomeno che abbia seguito il corretto "METODO" per ottenerle.

Altresì non è prova, il mostrare a riprova della veridicità di quanto si dice, la sgualcita fotocopia di un documento che dalla sottoscrizione si presume ufficiale, ma di cui è impossibile reperire l'originale.

Prova non è neppure il mostrare il risultato di un'analisi chimica fatta dall'amichetto del cuore.

Anche qui, tu lettore avveduto, intuisci perfettamente a cosa mi riferisco, vero? ;-)

Si potrebbe invece parlare di prova quando si dispone ad esempio di una relazione ufficiale la cui autenticità è accertata da pubblici ufficiali con cui NON si abbiano interessi in comune nel dimostrare la veridicità di quanto si asserisce, tantomeno rapporti di parentela o amicizia; e l'analisi deve essere stata effettuata seguendo ogni criterio scientifico per garantire l'autenticità del campione, la composizione, la provenienza ecc..

E in verità ancora non basterebbe perché il fatto che un'analisi sia stata fatta comunque correttamente, non dimostra che il campione stesso, ad esempio un pezzetto di terreno che si presume contaminato da materiali provenienti da presunte scie chimiche, non sia stato invece inquinato da altre fonti, o alterato ab origine ad esempio dalla persona che ha interesse a farlo analizzare, magari per dare una parvenza di autenticità alle "verità" di cui asserisce di essere unico detentore.

Come capite quindi, non ci si improvvisa ricercatori.

E non bisogna credere ciecamente a tutto quello che si sente o si legge divulgato da sedicenti improvvisati esperti "fai da te" del settore: se si parla di verità, occorre professionalità e metodo.

Guarda caso, persone che in passato mi scrissero di avere prove dell'esistenza degli alieni, di essere degli addotti, o dell'esistenza delle scie chimiche, quando gli venne chiesto di fornire anche il minimo indizio che potesse corroborare se non l'autenticità, almeno l'esistenza di queste "prove" in loro possesso, reagirono inviando lettere cariche di insulti, e poco dopo, tramite forum e blog, davano origine a campagne diffamatorie.

E' sempre così.

Ogni volta che temono di essere letteralmente "smascherati", reagiscono con violenza e vendicatività.

Attenzione: questo non significa che persone che lamentano questo tipo di fenomeni siano tutti in malafede.

Ci sono persone che invece hanno realmente vissuto esperienze drammatiche, e a cui talvolta presto ascolto, anche se non hanno prove.

E sapete perché? Perché nell'esporre i fatti, usano dei particolari costrutti verbali accompagnati da una particolare umiltà, che chi ha REALMENTE esperienza di queste problematiche riconosce subito.

Chiaramente non posso svelare quali siano questi costrutti altrimenti alimenterai la già folta schiera di mitomani ed egocentrici, che purtroppo si aggira sul web in cerca di attenzione.

Ad ogni modo, chiarita l'importanza del metodo, RIBADISCO che quando si parla di certi argomenti di cui non si hanno prove, chi si prende la responsabilità di divulgarli, deve specificare che si tratta di ipotesi.

Io stesso quando parlo di queste scie, nonostante sia considerato persona seria e attendibile da veri addetti ai lavori, lo faccio SEMPRE avendo la premura di specificare che si tratta comunque di teorie e invito a prenderle come favole.
E questo lo farei anche se avessi le prove di quello che racconto sotto forma di teoria.


Per me è infatti una forma di rispetto verso i miei ascoltatori e lettori.

Poco tempo fa ad esempio vi parlai della teoria del progetto Blue Beam tramite il programma Mistero (di Italia 1), e della denuncia da parte del giornalista Serge Monast in merito ad un ipotetico complotto che riguardava ologrammi proiettati nei cieli che sarebbero stati frutto di un piano segreto della Nasa.

Nel video accenno al possibile utilizzo di proiettori olografici atti a nascondere la vera nazionalità e forma di certi aerei...

Alcuni di questi proiettori, sarebbero montati su sfere volanti, spesso scambiate per velivoli alieni, dall'aspetto opalescente o metallico di vario diametro.

Ebbene potrebbe invece trattarsi di droni (velivoli senza pilota) dotati di dispositivi di occultamento mimetico (si confondono con lo sfondo del cielo) che proiettano immagini olografiche su aereoplani militari, allo scopo di camuffarli da aerei di linea o comunque da NON rendere riconoscibile la nazione di appartenenza o il modello.

Qualora non lo abbiate mai visto o vogliate rivederlo lo trovate qui:

(10 Maggio 2011) Il Mistero del Blue Beam Project (prima parte) clicca qui

MA RIBADISCO e NON mi stancherò mai di ripeterlo:

Per quanto plausibili, prendetele sempre come Teorie, MAI come verità assolute.

E trattandosi di ipotesi (teoria significa anche ipotesi), richiedono sempre l'uso del condizionale quando se ne parla, ALMENO FIN QUANDO NON SI HA LA POSSIBILITA' DI MOSTRARE DELLE PROVE, AMMESSO CHE ESISTANO.

Il fatto che oltretutto due fenomeni possano avvenire contemporaneamente, ovvero appaiano correlati, NON VUOL DIRE CHE UNO PROVOCHI REALMENTE L'ALTRO.

MANCA IL NESSO CAUSALE.

A questo punto, le persone razionali e intelligenti, dovrebbero chiedersi se in mezzo a questi oceani di voci, troppo spesso esageratamente aggressive, esista ufficialmente, e che sia verificabile da chiunque, un minimo indizio che possa anche far lontanamente pensare che alcune delle scie che si vedono nei cieli, possano essere realmente di natura chimica...

Ebbene la risposta, è SI.


Come feci già notare con serenità ai miei lettori, nel 2009 e ancora nel 2010 http://777babylon777.blogspot.com/2010/09/scie-chimiche-una-realta-di-cui-parlo_04.html
il Tg1 del 10 maggio 2007, delle ore 8 del mattino, annunciò che appena il giorno prima, nella ex Unione Sovietica, si era potuta svolgere una celebrazione sotto una splendida giornata di sole, nonostante il maltempo imperversasse sulla regione: merito di sostanze chimiche immesse nell'atmosfera da aerei...

La notizia fu data così... come se si trattasse di un banalissimo gossip...

Non fu fatto il minimo riferimento a cosa comporti il poter controllare il clima..

Nessun riferimento a possibili effetti collaterali quali afa, trombe d'aria e grandinate.

Nessun riferimento circa chi dovrebbe risarcire i danni in caso i presunti effetti collaterali rovinino i raccolti (es. grandinate) , oppure provochino malori e decessi (a causa dell'eccessivo caldo estivo).

Nessun riferimento circa i possibili effetti collaterali sulla salute degli esseri umani e dell'ecosistema, come presunta conseguenza delle particelle chimiche rilasciate nei cieli per alterare il clima.

Nessun riferimento circa la natura delle sostanza chimiche immesse nell'aria.

Nessun riferimento circa l'uso militare che ne potrebbe venir fatto per una invisibile guerra climatica di cui le conseguenze, al solito, le pagherebbero in primo luogo le persone oneste ed innocenti.

Il 2007 per una inquietante coincidenza fu una delle estati più afose e con un elevato numero di malori e decessi.


E in Italia?
Quelle scie persistenti che, in molti cieli italiani fino ad un attimo prima ventilati e limpidi, all'improvviso si espandono come un immenso palmo che ghermisce il cielo, fino a velarlo completamente, quella nebbiolina afosa che scende su tutto, persone, animali, piante, case
... è suggestione?
Oppure c'è un accordo NATO?
Sulle scie chimiche vi furono diverse interrogazioni parlamentari.

Nessuna risposta chiara.

Dove sono finite le nuvole bianconiglio?

Ricordate... quelle dai contorni talmente soffici da sembrare panna montata..?
Quelle che guardavate distesi sui prati da ragazzi.
Nuvole che le nuove generazioni forse non hanno mai visto...

Che sia la Vostra intuizione a rispondere...

Ciò che Vi consiglio non è di ascoltare me, ma di guardare il Cielo...
Vi sta dicendo da anni, e sempre più spesso, assai più di quanto le mie semplici parole potrebbero mai dirvi...

The look of sky is saying so much more than just words could ever say.



A coloro che persero il messaggio che andò in onda su radio 105, e volesse sapere su cosa si basa la teoria delle scie chimiche, consiglio la visione di questo video:
In pochi minuti, sarà messo al corrente di cosa siano, quanto è esteso il fenomeno, cenni sulla loro storia, come distinguerle da quelle di normale condensazione.


Buon ascolto e un Abbraccio.
Adam

1 commento:

  1. Ciao Adam, Ciao Team, mi soffermo solo un secondo a segnalare questa risoluzione dell'O.N.U. di oltre 30 anni fa (Divieto di utilizzare tecniche di modifica dell'ambiente naturale per scopi militari o per qualsiasi altro scopo ostile - Convenzione adottata all'Assemblea Generale delle Nazioni Unite con risoluzione n. 31/72 del 10 dicembre 1976)... non credo che l'Organizzazione delle Nazioni Unite si metta a fare delle Convenzioni così... tanto per... Un Abbraccio.

    RispondiElimina