sabato 22 agosto 2009

L'uomo nella stanza

In questo monologo un significato profondo: sentite da quante parole siamo stati storditi, negli anni.
Spesso l'uomo della stanza si arrende perché è stanco di troppe parole.
E se la stanza fosse il nostro Sè?
Accetteremmo di affogare?



1 commento:

  1. Recentemente ho utilizzato questo stesso video per definire come mi sentivo conseguentemente alla perdita del lavoro, della casa e di altre questioni... Credo che per non affogare bisogna solamente ricordarsi di chi siamo. Io sono io.

    RispondiElimina